DONE Jenfri Basandiele e Cjarpenêt, a çampe o drete – gelostellato

Jenfri Basandiele e Cjarpenêt, a çampe o drete

Jenfri Basandiele e Cjarpenêt, a çampe o drete

A son robis che a son come guselis e ti sbusin la memorie e une di chestis a son i papavars, che ducj, di lôr, di piçui, si visin. Lu saressin inmò di plui, forsit, lis barburicis, ma a son cuasit sparidis dai nestris forments e nus reste dome il ros, sparniçât framieç il vert fin a deventâ, in lontanance, une magle uniche, che ti salte intor, come che intor al salte chest cjamp, jenfri basandiele e cjarpenêt, cjapant la strade di front dal cimitieri e cjalant a man drete, o pûr, vignint di sot, e cjalant a çampe, che tant, si sa, il biel des robis come i papavar si lu viôr simpri, rivant di ogni bande
***
Ci sono cose che sono come aghi e bucano la memoria e una di queste sono i papaveri, che tutti noi, di essi, da piccoli, ce li ricordiamo. Lo sarebbero ancor più i fiordalisi, ma sono spariti dai nostri campi di grano e ci resta solo il rosso, spalmato sul verde fino a diventare, in lontananza, una macchia unica, che ti assale, come assale questo campo, fra Basaldella a Carpeneto, percorrendo la sterrata di fronte al cimitero e guardando a destra, oppure salendo dall’altra parte e guardando a sinistra, che tanto, si sa, le cose belle quanto i papaveri le si nota sempre, giungendo da ogni parte.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.