DONE I cjavai, denant dal lât di Fusine – gelostellato

I cjavai, denant dal lât di Fusine

instagramcapture_34d8c72c-3b52-45d1-bf29-e33da81e5f45

I cjavai, denant dal lât di Fusine

Che po, a cjatatai li, dismenteâts di vêti denant, e denant lôr dal lât, a passonâ, ancje se no ti àn mai plasût masse, i cjavâi, masse grancj e pôc indipendents, in di di vuê, al reste che in chê maniere al è come viodiju scuvierzisi di gnûf, ricjapâ la uce che e àn di salvadis, e ancje se framieç i pîts tu as mierdis grandis plui dal to numar di scarpe, di sghindâ, al basta cjalâ lontan, par cjatâsi intun mont dulâ che nol tu disaressis mai di jessi a Fusine, cun centenârs di lôr che a vosin e a berlin, par fortune cence rivâ a jentrâ inte fotografie.
***
Che poi, a incontrarli lì, dimentichi d’averti di fronte, e di fronte al lago, a pascolare, anche se non ti son mai piaciuti troppo, i cavalli, troppo grandi e poco indipendenti, al giorno d’oggi, resta che in quel modo è come riscoprirli, riprendere la forza che hanno da selvatici, e anche se tra i piedi hai delle merde più lunghe del tuo numero di scarpe, da schivare, basta guardare lontano, per trovarsi in un mondo dove non diresti mai d’essere a Fusine, con centinaia di persone che vociano e gridano, senza riuscire per fortuna a entrare nella fotografia.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.