DONE Cividât – gelostellato

Cividât

Cividât

Che po, a viodilu di sot, ancje se tu sâs che ‘nd è une desene di puints dal diaul, ator pe Italie, e chest ti gjave un pocje di poesie, al reste che tu ti sintis piçul, scliçât forsit plui de bielece dal Natison e de citât, che ti somê sburtâ, li daûr, par viodi cui che al è li sot, dongje il clap, dulà che no si varès di lâ,. ma ancje se ti viôt, no ti dîs nuie, che jê, Cividât, no à sigûr timp di pierdi ni cun te ni cul diaul.
***
Che poi, a vederlo da sotto, anche se sai che ce n’è una decina di ponti del diavolo, in Italia, e questo ti toglie un po’ di poesia, resta che ti senti piccolo, schiacciato forse più dalla bellezza del Natisone, e della città, che pare spingere, lì dietro, per vedere chi c’è lì sotto, vicino al sasso, dove non si dovrebbe andare, ma anche se ti vede non ti dice niente, Cividale, che non ha certo tempo da perdere né con te, né col diavolo.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.