DONE Mûrs vuarfins, di tantis bandis, ancje a Puçui – gelostellato

Mûrs vuarfins, di tantis bandis, ancje a Puçui

Mûrs vuarfins, di tantis bandis, ancje a Puçui

Si ju cjate un pôc dapardut, ancje se no simpri come chest, pene fûr Puçui, pe vecje strade blancje che e puarte a Morten, che tu scugnis passâi tal mieç e no tu puedis zirâi ator, jessint che tu laressis a finîle tal canâl, e a son, ducj chescj, mûr di alc che nol è plui, vestâl de manie dai oms di sierâsi, protezisi, platâsi, obleâ chei altris oms a dismeti la lôr muse e zimiâ jenfri un sclip di voli di une mascare, che si met simpri denant dai mûrs. A chest mi fasin pensâ chei mûrs vuarfins de miserie che di sigure a difindevin, dal pericul di deventâ siors.

***

Li si trovano un po’ ovunque, anche se non sempre come questo, appena usciti da Pozzuolo, per la vecchia sterrata che porta a Mortegliano, che si deve attraversare per forza, e non gli si può girare attorno, se non si vuole finire ammollo nel canale, e sono tutti, muri di un qualcosa che non è più, vestale della smania umana nel rinchiudersi, proteggersi, nascondersi, obbligare gli altri uomini a levarsi la faccia e fare l’occhiolino attraverso un frammento d’occhio d’una maschera, che sempre s’indossa davanti ai muri. E a ciò, mi fanno pensare questi muri orfani della miseria, che di certo si stavano difendendo dal pericolo di diventare ricchi.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.