DONE Le ombrene che e à di vignî – gelostellato

Le ombrene che e à di vignî

Le ombrene che e à di vignî

A Cjarmacis, daûr la glesieute, suntune stradelute che no somee puartâ inniò, un morâl grandonon al pâr platâsi, lassant il voli a colâ sui pâi des vîts, che a parin crôs, e par un marilamp tu pensis al parcè che a àn di vê metût un cimitieri propit li, invezit che pensâ al len, a trop che al è bocon, e a trop pecjât a lassâlu li, a straçâ le ombrene che e à di vignî, cence une polse frescje di regalâ.
***
A Cjarmacis, dietro la chiesetta, per un viottolo che non sembra portare da nessuna parte, un albero enorme sembra nascondersi, lasciando l’occhio a distrarsi sui sostegni delle viti, che paiono croci, e per un attimo si pensa al perché mettere un cimitero proprio lì, invece che pensare all’albero, a quanto è immenso, e a quant’è un peccato che stia lì, a sprecare l’ombra che verrà, senza una fresca sosta da regalare.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.