DONE Fornâs e spiei – gelostellato

Fornâs e spiei

Fornâs e spiei

Tu lis viodis simpri di lontan, inmagant, e no si sà parcè par tant che ator al sedi sdrume e davoi, lôr a stan dretis, misteriosis, cun plui orgoi che braure; e ancje cuant, come la fornâs a Vilegnove, pene fûr San Zorz, a ti spiin cual che al è il prin spieli dal om, a tremin un pôc, timidis, come a dî che no je colpe lôr se il flum lis lume e lis figote, inamorât cidin e lustri, cence ni fin ni padin.
***
Le vedi sempre da lontano, suggestive, e non si sa come mai, per quanto attorno abbiano solo macerie e scompiglio, loro rimangono in piedi, misteriose, con più orgoglio che supponenza; e anche quando, come la fornace di Villanova, appena fuori San Giorgio di Nogaro, ti svela qual è il primo specchio dell’uomo, tremano un po’, timide, quasi a dire che non è colpa loro se il fiume le osserva e le coccola, innamorato silente e splendente, senza né fine né riposo.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.