DONE Cori pai bôs – gelostellato

Cori pai bôs

Cori pai bôs

Soi stât a pantanâ lis scarpis,
A predicjâ pai fossâi la fote dai miei dius çondars e cinisins,
Cjantavi la smare dai peteçs scjampâts di bocje a lis glovis,
Çonçavi lis stradis talpassant i rivâi, 
I cjamps semenâts di pôc
Cu lis cumieris inmó cence une identitât.
O ai cjatât nuie, di ce che cirivi, 
La spice di une sclise di batibui a va indevant a cisâ
Su lis fueis plombis e su lis pocis colôr gulizion.
O ai cjatât
Magari cussí no
Dome une panole e un urtiçon.
Daûr di lôr si jeve il vueit
Supât dal riordin e da la fan scunide dai sotans.
O scolti jonosoiuncjan
E mi ven dûl a pensâ ai pôcjonons che lu presein: 
Al è come jessi aghe di canalete e cori pai bôs
Di un cjamp di blave, cul sut che si svicine.
***
Uscii per infangare le scarpe,
Per predicare nei fossi la collera dei miei Dei cavi e ingrigiti,
Cantavo l’acredine dei pettegolezzi sfuggiti di bocca alle biforcazioni dei rami,
Spezzavo le strade calpestando gli argini dei fossi, 
I campi da poco seminati
Con le porche ancora prive d’identità
Non trovai nulla, di quel che cercavo, 
La coda di una scheggia di temporali continua a sfrigolare
Sulle foglie zuppe e sulle pozzanghere color colazione.
Trovai
Purtroppo
Una sola pannocchia e un solo asparago selvatico.
Alle loro spalle si alza il vuoto
Succhiato via dal riordino e dalla fame abbrutita dei sudditi.
Ascolto Iononsonouncane
E provo pena al pensiero di quanti non lo apprezzano:
E’ come essere acqua di un canale per l’irrigazione e correre nelle costole
Di un campo di mais, mentre la siccità si avvicina.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.