DONE Quasi una virgola – gelostellato

Quasi una virgola

Quasi una virgola

Ho appena bevuto la birra in piazza 

Guardando questa luna, 
Anche troppo bella per questo mondo, 
Che va e viene dalle nuvole.

Fa ancora troppo freddo

Il fuoco sta bene acceso di notte, 
Anche se non serve a tenere lontano i lupi.

Mangio olive con il nocciolo e mi infastidisco, 
E mi chiedo com’è che siamo diventati 
Così schizzinosi.

Eppure oggi ho bevuto l’uovo crudo e caldo 
E sono andato in giro per la città puzzolente 
Di corsa e di stronzate.

Domani non lavoro eppure 
Non mi sembra poi una grande cosa. 
Non so che fare e mille cose avrei da. 

Questi capelli sono davvero tanto lunghi 
Ma continuo a non trovare dei perché 
Per tagliarli e continuano ad allontanare 
Il grigio come se non volessero farmi crescere.

ono bravo a rubare fiori, a regalare risate, 
A sputtanare talento, 
Ad apprezzare poesia.

Ascolto selah sue.

Leggo Cappello.
Scrivo di gerbilli e bibliogazze.

Dimentico gli amici e le loro vedove.

Nel frigo ho poca birra.
In cantina poco vino.
Soldi quasi niente.
Il punto della situazione alla fine è solo 

Una virgola
E ogni giorno così.

Comments

  • Anonimo
    19 Aprile 2019

    come son dritte le foglie dell'erba appena spuntata a primavera, come frecce puntate verso il cielo. non hanno ancora conosciuto il caldo, la grandine o il vento. un giorno qualcosa le piegherà, ma quel giorno non è oggi.

    reply

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.