DONE Tu pararessis bon (Faresti bene) – gelostellato

Tu pararessis bon (Faresti bene)

20190210_122856

Tu pararessis bon (Faresti bene)

 
Tu pararessis bon
A jessi chi e no
A durmî, no
A poiâ vuès e scarpis e cimiadis
Sui scjalins dal imbrunî
Tu
Tu pararessis frescje, ridint
Di ridadis mâl tignudis
Fufignis fofis
Cjalcis rotis prin di sei
                         dopradis,
Tu
Pararessis bon a sei
Chi fantate, spudade
Tal tremôr di gjambis viartis
Tirade dentri
Di une bussade-cjastiel
Platade
Dentri une muardude-riviel
E cence
Clostris cence
Tramais di onôr o gale.
Fevelin i dêts, bruntulin
Lis ongulis, patafin
I ombui
E la plete te cjar
Rivoche di inzirlis
E sgrisui salvadis.
 
***
Faresti bene
A essere qui e non
A dormire, non
Ad appoggiare ossa e scarpe e occhiolini
Sulle scale dell’imbrunire
Tu
Saresti fresca, ridente
Di risate mal trattenute
Soffici sciocchezze
Calze rotte prima d’essere
                                       usate,
Tu
Faresti bene a essere
Qui ragazza, sputata
Dentro il tremore di gambe aperte
Catturata
Da un bacio-castello
Nascosta
Dentro un morso-ribelle
E senza
Catenacci senza
Trappole d’onore o galanterie.
Parlano le dita, brontolano
Le unghie, schiaffeggiano
I lombi
E la piega nella carne
Echeggia di capogiri
E brividi selvatici.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.