Le schiene degli spettri

Le schiene degli spettri

Il tempo è come una fune tesa, immota,
Senza padroni.
Tu arriverai, 
Le tue carezze avranno abiti leggeri,
L’animo dell’edera e del mughetto.
Cingerai di pelle la pelle,
Le penombre dilateranno il buio
Caldo del contatto;
Sbiadirà l’affresco, muto,
Graffiato alla buona sui muri sottili
Della tua ingenuità.
Disegneremo un animale misterioso,
Estinto,
Fatto di sussurri,
Brezze e cristallo,
Da tatuare sulle schiene
Di tutti i nostri spettri.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.