DONE Dividi la urtie – gelostellato

Dividi la urtie

Dividi la urtie

 

No fasìn fature

A dividi la urtie

Dal urtiçon

Ma no sin un piron,

Di cui, la reson?

E no fasìn

Fature a piturâ une muse

Cence un macaron

Di parâ ju, cun voi

In sfese, di barcon,

Ma la bocje vierç e siere

E ogni peraule e à non e cognonm

Cualchi volte parfin un sorenon.

No fasìn fastidis a meti fadis

E drâçs e sbilfs e res e principessis

Intun cjastiel di là

Di un cjamp pustot no cate

Che in bande e je la lune

Dal mont di chenti

E ta chel cjastiel altri nol è

Che un acuedot.

 

Trad: Non fatichiamo/ a separare l’ortica/ dal luppolo selvatico/ ma non siamo una forchetta/ di chi, la ragione?/ E non facciamo/ fatica nel dipingere un volto/ senza naso (maccherone)/ da buttar giù/ con occhi/ socchiusi di finestra,/ ma la bocca apre e chiude/ e ogni parola ha nome e cognome/ spesso persino un soprannome/ Non fatichiamo a mettere fate/ e draghi e folletti e re e principesse/ dentro un castello/ sito al di là/ di un campo incolto nonostante/ di fianco vi sia la Luna/ di questo mondo/ e in quel castello altro non vi sia/ che un acquedotto.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.