DONE Vetrerie – gelostellato

Vetrerie

Vetrerie


Dicono che serva il bianco
Un bianco sconfinato, di un intero foglio;
Un bianco di neve
O matematico, d’insieme vuoto,
O d’occhio di bimbo,
Spalancato quanto la vocale
Che lo chiude.

Dicono così. L’ho sentito dire, a voce alta.
Io invece zoppico e mi appoggio ai quadretti
E all’angolo mi rinchiude una scritta
Un nome,
Quantità, misura, lunghezza,
Altezza,
Descrizione.
“Vetreria F.lli Antonazzi”.
Rima pazzi, suona pezzi.
E vi trovo abbastanza poesia da vederci
Un pertugio
Che porta al libro che mi sta di fronte.
Leggere un verso, piegare il dito
Sulla pagina piegata,
Mescere l’errore con la cernita, l’alea
Con la dissezione del tempo.
“Vetreria”
Mi basta e ogni cosa
E’ contenuta.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.