Lo scrigno

Lo scrigno


Ci hanno insegnato a chiamare le cose per nome
A dargli un senso
Uno dei cinque che abbiamo

Ci hanno insegnato a costruirle
Scegliendo qua e là i pezzi migliori
O quelli avanzati.

Ma alcuni di noi
Non tutti
Hanno imparato altro

Cretetemi
Li ho visti

Leggono tra le righe
Accarezzano i sogni
Fiutano il pericolo

Alcuni addirittura
Distinguono un silenzio da un altro
E succhiano la bellezza fino al midollo.

Li ho visti nei parchi, sui marciapiedi, fermi al semaforo
Li ho visti girarsi di scatto
O restare attoniti

Davanti a un tramonto
All’erba appena falciata
Al rumore della pioggia

Salvano piccole cose
Ogni giorno
E le conservano

Così mi sono deciso
Io che non ho mai perso i sensi
A cercarne uno nuovo

Il sesto

Nello scrigno sconfinato della percezione.

Comments

  • 27 Febbraio 2008

    bello, davvero bello

    reply
  • gelostellato
    27 Febbraio 2008

    grazie^^

    reply

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.