DONE Bambin – gelostellato

Bambin

20191227_223420

Bambin

 
Il gno Gjesù bambin
Al è un frico
Confezionât
Al speck di Sauris
Cjolt, scjaldât
Pôc mastiât a sere tarde
Mangjant cence vê cenât.
Il gno Gjesù bambin
E je une canevace
Rosse ricamade
Za maglade
Cun alc che no si capìs
Ma al à dal biel 
La sgrimie 
E il sbelet
Da no covente.
Il gno Gjesù bambin
Al rive simpri
Di an in an, al à
La mê stesse etât
La barbe grise
L’artrite, i voi patocs
Pocje voie di pierdi 
Fuarce ancje se i plâs
Cuietâsi e invecjâ
Il gno Gjesù bambin
Nol sa, nol ûl pensâ
A cuant che prest plui
Nol rivarà, 
Nol varà fuarce
O flât
Par cjaminâ.
E jo cence Gjesù
Bambin
No sarai plui.
***

Il mio Gesù bambin/ è un frico/ confezionato/ allo speck di Sauris/ comprato, riscaldato/ mal masticato a tarda sera/ mangiando senza aver cenato.
Il mio Gesù bambino/ è uno straccio/ rosso, ricamato/ già macchiato/ cun qualcosa che non si riconosce/ ma ha della beltà/ il piglio/ e il belletto/ di ciò che non serve.
Il mio Gesù bambino/ giunge sempre/ di anno in anno, ha/ la mia stessa età/ la barba grigia/ l’artrite, gli occhi marci/ poca voglia di perdere/ forza anche se adora/ acquietarsi e invecchiare
Il mio Gesù bambino/ non sa, non vuol pensare/ a quando subito più/ non arriverà/ non avrà forze/ o respiro/ per camminare./ E io senza Gesù/ bambino/ non sarò più

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.