DONE La Lune parsore Sclaunic – gelostellato

La Lune parsore Sclaunic

La Lune parsore Sclaunic



La Lune parsore Sclaunic

No à mai la stesse muse.
No è une sisile
Ch’e bastís il mont a ogni Vierte
No une palanche 
che cole tal cjapiel di un mat. 
La Lune parsore
Si cjape da dî cui gnotui,
Si remene ca e là su la Ledre, 
Sui soi comedons strissinâts daûr dai orts.
La Lune
No ‘ûl nissune gnece
O gnoce
No ‘ûlarès neancje
Chest cjantâ di gri
Che al centene e polse,
Ma a lui,
Come a la Lune,
Platât te miôr cise de place,
No i comande nissun
E nissune.

***

La Luna sopra Sclaunicco
No ha mai la stessa faccia.
Non è una rondine
Che cuce il mondo a ogni primavera,
Non un soldo 
Caduto nel cappello di un folle. 
La Luna sopra
Si azzuffa coi pipistrelli,
Si rotola qua e là sul Ledra, 
Sui gomiti trascinati dietro gli orti.
La Luna
Non vuole nipoti o nozze
Non vorrebbe nemmeno
Questo cantar di grillo 
Che assorda e riposa,
Ma a lui,
Come alla Luna,
Nascosto nel cespuglio migliore della piazza,
Nessun comanda 
Nessuno e nessuna.

Comments

  • 1 Agosto 2016

    Al vignarès di pensâ: se la Lune de tô biele poesie e je la stesse che jo o viôt dal di sot, tal emisferi sud. Cence pôre di falâ o disarès di si, za che la mê Lune e à i stes compuartaments de tô.

    reply

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.