DONE Un madrac cu lis gjambis – gelostellato

Un madrac cu lis gjambis

Un madrac cu lis gjambis

La miserie
di piçul
ti insegnin che e je no vê di mangjâ
di durmî
di fâ ce che tu âs voie di fâ.
E sigure, o ai simpri pensât che a vedin reson.
Podopo ti capita di smontâ de biciclete,
Simpri di corse,
nol sedi mai che tu regalis timp a cincuante lavôrs che tu fasis
e tu ti imberdeis tal cestin de bici
e ti si sbreghi i bregons.
E alore li,
tu capissis di une altre miserie
une miserie che ti fâs porconâ,
par che di bregon biei cussì tu ‘nt vevis un pâr sôl
per che no tu puedis lâ compra altri,
par bêçs, o ancje dome,
par timp,
che no tu âs,
par che chel pôc che ti vanze
ti somee un scandul doprâlu e straçâlu par lâ tor pai negozis
a viodi robis che no tu puedis cjolti
o che se tu ti cjolis ti fasin pensâ che al jere miôr di no.
E tu pensis ancjemò che nol è dome il porconâ
la miserie vere
ma chel preocupâsi dome dai bregons,
nancje inacuarzisi che tu ti sês fat un sbrego te gjambe
tant,
in fin dai conts
la piel je di rive jù
e torne dongje di bessole…
Ma dopo
tu pensis che forsit sì
e je miserie
ma tu puedis ancjemò vê une mari vive
che je contente di zontati un blec,
brut
ridicul
cui colôr che no centrin nuie
un Pimpa verde militâr che vignarà fûr tant che un madrac cu lis gjambis
e jo
pardabon
ju metarai inmò, che bregons
e o pensavi che il metiu
il no vergnognâsi
il sbatisi i coions dal mont
e dai siei derivâts
e je un ricjece che tu puedis tignî simpri in sachete
ancje se tu fossis crot.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.