DONE OOO (prime part) – gelostellato

OOO (prime part)

OOO (prime part)

Ve chi une gnove conte par furlan! Une conte che stoi voltant dal talian che a ‘nd à vincjut il tierç premi a no mi visi ce concors dongje Rome. Il teme al jere “Il viaç”.
Si che la conte e je un tichinin lunghje la spachi in doi tocs.
E fintremai che un no la lei no mi nici a voltà la seconde part, cu la finâl a sorprese. 🙂

OOO

Vêso presint il ciulâ di une ongule che a grate sul tapedut li ca si dopre la surîs? Ben po, ven a stâi che al è plui o mancul cussì che jo mi sint cuant che mi svei: cun lis orelis plenis di chest sunôr. Simpri. Forsit no rivi a spiegâusal ben, parcè che no soi mai stât masse brâf cu lis peraulis, ancje se in fin dai conts a lis dopri ogni moment. Ven a stâi, disìn cussì, che no rivi adore a cjatà alc di miôr che l’idee di sveâsi, par contâus ce che a mi sucêt cuant che jentri intal mont cussient. Prime nol è nuie, ni sium ni siums, daspò a sint un clic, ur russâ, e dopo un momentin di scût, un lizêr gratâ. Chest, intindìnsi, nol cambie mai. Al è ce che al ven dopo che al cambie ogni volte. No sai il parcè, no ma lu soi mai domandât, ni ai mai vût timp di fâlu. A sai dome che cuant che a mi svei a soi a cjase me, e dopo a partìs. Lu sai, che a soi cjase, parcè che a cognòs il barcon dulà che poi il voli, cuntune cjalade scaturide, tant che une ombrene smenteade. Il barcon al è simpri chel: no si scjampe! No che al sedi dome un, cirìn di capîsi, ma chel barcon al è par me une fonde. Un di chei arbui colâts intal flum e incjastrâts tai claps, che ancje la corint plui fuarte è scugne zirâi ator. A son robis che cuietin, a soi sigûr, sie il pes che il pescjadôr. Cjacari dal arbul eh, no dal barcon. Ancjemò plui d’aiût, par dî un altre, a è la sigurece di il prin pît che a si slungje par cjaminà, lu fâs simpri in chel puest che jo clami cjase. O crôt che al sedi cussì par ducj, o almancul mi soi fat cheste idee. E crodîmi; par me, par come che a vîf jo il dopo, al è fondamentâl vê cheste sigurece. Se no al è ce deventâ mats. Pal rest, no cognòs altri. Come che a mi cjali ator a cjati simpri alc di diferent. Il cuadri colôr naranç che îr al jere adalt, dongje la puarte, vuê al è vert, e al è picjât denantdaûr, tal cjanton di che altre bande de stanzie. Doman ce vustu savê, al sarà blu e butât sul paviment! Altris cuadris, invezit, a nassin come moscjats sul mûr, fruçons neris che a no si rive adore a dicerni e si fasin vie vie plui grancj, come se a stessin vignint incà. No fâs in timp a viodiju che a mi son bielzà passâts denant, cualchi volte fûr par fûr, o pûr sfantantsi cuntun plop, nancje che a fossin bufulis di savon. Che a dile dute, chestis puartis e barcons, a son plui presincis di intuî, che puescj par poiâ il voli. A ogni mût, no cjatâju mai dulà che ju ai lassâts a ti mande fûr di scuare. Tal imprin a crodevi di jessi jo. Crodevi che al fos in vore un argagn mentâl peât al cori dal timp. Vêso presint cuant che a cerçais la cedrade dopo agns o cuant che a cjalais i cartons animâts di Ciobin, il princip des stelis, o pûr di Bem, chel mostri cun trê dêts? Par tant che volaressis sintî il stes savôr e gjoldi a le stesse maniere, a va a finîle che, plui o mancul cun cussience, a sa ju visavis diferents. Nuie di mâl, intindìnsi. Il timp al è l’ingredient primari di ogni robe, il viaç che ducj fasìn, pôc a pôc. Il biel al è che jo, chestis impressions a lis provi ogni volte che a mi svei! Par fâus miôr capî, al è come se cualchidun a us spostàs ogni gnot i soremobii. E no dome chei, ma ancje i mobii, lis puartis e i barcons, cun di plui zontant o gjavant robe a seconde dal so gust. Sigûr, o disarês voaltris, si usisi a dut. Ma almancul a podês ben imagjinâ cemût che la idee di cjase a sedi pluitost stranie se si vîf in cheste maniere. Tornant al discors che us stevi fasint, nol è propit dal moment di sveâsi che o vevi voie di fevelâ, si ben di dut ce che al mi sucêt dopo. Parcè che dopo jo… o viazi! No ‘nd ai altris peraulis par spiegâlu il mê traviersâ il mont, simpri che di mont o stedin cjacarant. O scomenci simpri di un barcon, o di un cuadri. Sul imprin o sint come une vôs, che no je nancje une vôs, ma somee une sburtade, une frece che mi mostre une direzion, e culì, la che prin e jere une parêt, issio saltâ fûr un panorame, une imagjine, une scrite, un ogjet. E cualsisei robe e comparissi, sedi ledrose o stuarte di nancje intindile, ve che o ven supât vie. Al è come se un dêt mi segnàs une strade e jo no fos bon di disubidî. Jai pensât mil voltis a cemût fâ a crevâ chescj comants, ma no soi mai rivât. Soi bon dome di fâ une robe: di vierzi la bocje intune O che e je insiemit di maravee e curiositât, pôre e traspuart. E chel businâ, che al compagne il mê viaç, al è segn e foneme, un “OOO” slungjât che al travierse timp e spazi. Jo o viazi doprant chest OOO.
…. …. ….. ……… e larà indenante a chi come simpri ancje la version par talian.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.