Suns di Sierade

Suns di Sierade


Un cricâ cjaviestri
Al á poiât il mustic
Figot
Su la stradelute blancje
Dome di non
Che puarte a Torce.

O ai cjatât la plane
Vistude di umit
Voltade di schene
A sbeleâ tal spieli 
Che cence pes e uciei 
Al jere il canâl.

A àn netât i fossâi,
Puartât vie i lens
E lis cjariadoriis
Tant che cûrs
Gla¢adis si smentein di sfantâsi.

Tornant
Mi è vanzât tes suelis
Il sunôr des fueis: 
Di doprâlu come jet
Di doprâlu come filsade.
***
Uno scricchiolio tenace
Ha poggiato il muso
Ruffiano
Sulla piccola strada bianca
Solo di nome
Che porta a Torsa.

Ho incontrato la pianura
Vestita di umidità
Girata di schiena
Mentre faceva le boccacce allo specchio
Che senza pesci e uccelli
Era il torrente.

Hanno disboscato i fossi
Portato via la legna
E i solchi delle ruote nel fango
Come cuori
Gelati si dimenticano di scomparire.

Al ritorno
È avanzato nelle suole
Il suono delle foglie: 
Per usarlo come letto
Per usarlo come coperta.

Comments

  • Barbara
    25 Dicembre 2016

    I lens a jerin i vistits, lis fueis la lane de coltre, lis cjariadoriis …i ricuarts dal nestri cûr ferît…

    reply

Post a Reply to Barbara cancel reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.