DONE Crituris (crepe) – gelostellato

Crituris (crepe)

20190205_001341

Crituris (crepe)

 
Poi la bire dentri te scarpe
Fûr de puarte
I mûrs a mostrin ancjemò i claps
I flums di soreli
Corûts sui scûrs di bree.
 
Trops rivino a contâ, di lontan?
Tropis stradis
Di cjalcine sclapade?
E cuale sino nô?
 
Nus pâr di cognossi
Sul mûr masse passût dai ricuarts
Il barcon rot di chel
La puarte sierade
Di chel altri;
Tal cjanton, sot de linde
Une cjançon che a savevin
A memorie e tal çuf di talate
Tabiade dai passarins
Grignei di savalon
Di un mâr suiât e supât
Dal aiar e dal pedrât.
 
Cjale miôr, disnice une çate
In bande dai voi:
No isal ancjemò cualchidun là dentri?
 
La tende si môf, alc
Al à cricât. Da la nape
Une schie di fum, 
E à scuindût une stele.
 
***
Appoggio la birra nella scarpa
Fuori dalla porta
I muri ancora mostrano i sassi
I fiumi di sole
Passati sulle imposte di legno.
 
Quanti ne riusciamo a contare, da lontano?
Quante strade
Di calce screpolata?
E quale siamo noi?
 
Ci sembra di conoscere
Sul muro ingordo dei ricordi
La finestra rotta di quello
La porta chiusa
dell’altra;
Nell’angolo, sotto la grondaia
Una canzone che sapevamo
A memoria e nel ciuffo del tarassaco
Calpestato dai passeri
Granelli di sabbia
Di un mare prosciugato e succhiato
Dal vento e dal selciato.
 
Guarda meglio
Inaugura una zampa
A fianco degli occhi:
Non è rimasto ancora qualcuno, là?
 
La tenda si scosta, qualcosa
Ha scricchiolato. Dal comignolo
Una scaglia di fumo, 
Ha nascosto una stella.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.