DONE Di dut, intun puest sôl, a Vençon – gelostellato

Di dut, intun puest sôl, a Vençon

Di dut, intun puest sôl, a Vençon

Tu vâs a Vençon par viodi altri, e tu lu viodis, ma cuant che tu stâts par lâ vie, inte glesie che e jere stade, sdrumade, lassade, inmagant za di bessole, cui siei rudinaçs superbeôs, ben po, propit li suntun clap, sintade, tu viodis che che podarès jessi tô none, la none di tancj de tô etât, o miôr ancjemò une agne, sì, che ducj la vin vude une agne cussì; e jê, sintade li che e cjale dongje e lontan, il dut e il nuie, e a ti, a ti come tancj, no ti viôt,  ti lasse une pâs e une voie di fâ miôr, di jessi miôr, di regalâ il miôr di te, che non ‘nd è di compagnis. Tu i fasis une foto di scuindon, che no tu âs voie di disturbâ ni tant mancul di robâ, e ti scjampe dentri anche una cjase, che di un barcon dirocât, ti cuche, cui voi di gjate, in sfrese, come che tu âs vivût tu, e tancj altris.
Vai a Venzone per vedere altro e lo vedi, ma quando stai per andartene, nella chiesa che fu, distrutta, abbandonata, incantando già di suo, con le sue macerie superbe, ecco, proprio lì su un masso, seduta, scorgi quella che potrebbe essere tua nonna, la nonna di tanti della tua età, o meglio ancora una tua zia, che ce l’abbiamo avuta tutti una zia così: e lei, seduta a guardare vicino e lontano, il tutto e il nulla, e a te, come altri, nemmeno ti vede, eppure ti regala una pace e un desiderio di migliorare, di essere migliore, di regalare il meglio di te, che non ne conosci d’uguali. Tu la fotografi, di nascosto, perché non vuoi disturbare né rubare, e ti sfugge nella foto una casa, che da una finestra diroccata, occhieggia, con occhi di gatta, socchiusi, proprio come hai vissuto finora, tu, e molti altri.

Post a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.