Stelle per bottoni

Stelle per bottoni

Come pensare i bottoni,
Che sono le stelle,
Vibranti e golosi,
A vestire il buio
E incollare la notte al cielo;
E immaginarli,
Senza vederli,
Dal letto o dalla parsimonia.
 
 Così
Invecchiamo da svegli,
Imperterriti,
Scontrosi,
Senza piana e senza bagaglio,
Ché il peso è tutto nelle rughe,
Nelle tazzine sbreccate,
Nelle fertili promesse mantenute dal crepuscolo,
Lui che più di noi
Ha rossori e finestre
Da regalare.

Ci restano soltanto i baci.
La neve,
Il tatto,
L’ilarità.

Comments

  • Anonimo
    11 Dicembre 2012

    Le stelle sono i bottoni che incollano la notte al cielo: splendida l'intuizione poetica; ben condotto anche il resto, con le consuete puntate nell'ermetismo che sono ormai la tua cifra stilistica. Bravo, caro!

    (Fiorella B.)

    reply
  • Anonimo
    11 Dicembre 2012

    sì, anche la foto mi è moltopiaciuta; ma sarebbe stata ancora più azzeccata se il finale fosse stato "Ci restano soltanto i baci / e la neve". Invece la scelta di chiudere con "Il tatto,/ l'ilarità" abbassa il moltopiacimento della foto 😀

    (sempre io, la Fiò)

    reply

Post a Reply to gelostellato cancel reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.